Privacy Policy

Fatti e Solidarietà

Il nostro Decanato ha inviato al Fondo Famiglia Lavoro, voluto dall’Arcivescovo, 95 richieste di aiuto, ricevendo finora 95.000 € di finanziamento. 

tavolo_solidale

Per le parrocchie di Carate sono state segnalate 27 situazioni + 8 di Albiate, ricevendo per ora un contributo di oltre 32.000 Euro già erogati alle famiglie interessate.

 Il Tavolo Solidale delle parrocchie di Carate ha ultimamente affrontato altre 5 situazioni (non rientranti nel Fondo diocesano) per un contributo di circa 5.000 €. Le famiglie sostenute dalla solidarietà della comunità ecclesiale sono tutte residenti, alcune di origine estera, buona parte italiane e quasi tutte cristiane.

La Raccolta AVVENTO di CARITA’ nelle prime tre Domeniche (15, 22, 29 Novembre) ha realizzato la somma di 7.250 € (oltre a quanto destinato come contributo per la vita della comunità). Con la generosità di tutti potremo venire in aiuto a una decina di altre famiglie che attendono il nostro sostegno.

“Avvento e Natale di Carità. La solidarietà tra le famiglie della comunità”.
da “Il Volto di Carate” – gennaio 2010

****************************************

SOLIDARIETA’ CON L’ARCIVESCOVO

Le comunità parrocchiali del Decanato di Carate  Brianza, anche in preparazione alla Visita Pastorale (giugno 2010), esprimono al Card. DIONIGI TETTAMANZI tutta la solidarietà della Sua ”terra di Brianza” di fronte alle recenti aggressioni verbali e agli attacchi scorretti rivolti da un ministro della Repubblica Italiana allo svolgimento del Suo ministero come nostro Vescovo e Pastore. Ricordiamo le parole del nostro Arcivescovo in occasione del suo ingresso in Diocesi (29 sett. 2002): “Servire l’uomo e la società significa adoperarsi per rendere ogni persona veramente e pienamente libera, cioè responsabile e pronta a lavorare per il bene di tutti. Mentre predico questa libertà, quale Vescovo di questa Chiesa di Dio che è in Milano, con fermezza e convinzione, intendo rivendicare questa stessa libertà di fronte a tutti. Mi aiuti S. Ambrogio a comportarmi di conseguenza”.

Grazie, Eminenza, per la sua testimonianza
di fedeltà al suo mandato di pastore
nella nostra Chiesa Ambrosiana.
****************************************